I fabbricati collabenti, iscritti in catasto nella categoria F2, senza attribuzione di rendita, non sono soggetti al pagamento dell’Imu né come fabbricati né come area fabbricabile. Lo ha sancito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 17815 del 19 Luglio 2017.

 Il Comune aveva emesso un accertamento per un immobile inserito nella categoria F2 e privo di rendita. La Cassazione ha annullato l’avviso di accertamento, evidenziando anzitutto la differenza concettuale tra fabbricato inagibile e fabbricato collabente. Nel primo caso, si tratta di un’unità che ha perso una parte delle sue potenzialità funzionali per effetto di eventi sopravvenuti e, perciò, ad essa compete la riduzione a metà della base imponibile. Per i fabbricati collabenti, invece, si tratta di immobili che sono privi di qualunque forma di potenziale utilizzabilità per il possessore, tanto che gli stessi sono iscritti in catasto senza attribuzione di rendita. In entrambi i casi è configurabile una unità immobiliare riconducibile alla nozione di fabbricato, circostanza che esclude la possibilità di ravvisare sia l’area edificabile che quella di terreno agricolo. La conclusione della Suprema Corte è che, fino a quando il fabbricato collabente risulterà così identificato in catasto, lo stesso non potrà in nessun modo essere soggetto a imposizione, né come fabbricato- per la mancanza di base imponibile- né come area edificabile. Questa situazione, però, cessa di esistere quando si provvede alla totale demolizione dei “resti” del fabbricato, perché in questo caso l’area di risulta, ove potenzialmente edificabile, deve essere considerata come suolo fabbricabile.

Chi è online

Abbiamo 52 visitatori e nessun utente online

Meteo

065518
Today
Yesterday
This Week
Last Week
This Month
Last Month
All days
45
74
425
956
3091
0
65518

Your IP: 52.55.186.225
2019-04-24 05:12
I miei video

 

IMPORTANTE: Questo portale non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità ne senza nessun scopo di lucro. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.